Domenico Gnoli, ovvero l’arte nel dettaglio

Alla Fondazione Prada la retrospettiva dedicata all’artista scomparso nel 1970

C’è una splendida fotografia di Federico Patellani in cui una donna di spalle, sdraiata, guarda la carcassa di un aereo, con una caviglia lievemente inclinata sull’altra. È una foto di dettagli. Non si vede il volto di lei, e ciò alimenta il mistero,il desiderio, la curiosità e la spinta a guardare ancora e ancora. L’effetto è simile a quello di entrare nelle opere di Domenico Gnoli, dove i dettagli ingranditi divengono parte di un insieme più grande, ma sepolto, nascosto, solo immaginato, come il consistente – ma non visibile – di un iceberg. Nella retrospettiva concepita da Germano Celant, critico, curatore e direttore artistico di Fondazione Prada che, scomparso ad aprile 2020, non ha potuto vedere il risultato finale dell’esposizione, sono state riunite più di 100 opere realizzate da Gnoli tra il 1949 e il 1969, con il piano superiore della mostra dedicato alla sua attività di scenografo e illustratore.

Il risultato, a più di 50 anni dalla scomparsa di Gnoli (New York, 1970), è di assoluta contemporaneità nella rappresentazione dell’immagine, perché in questa mostra le opere di Gnoli raccontano un ambiente, un contesto, uno status, stringendo l’obiettivo su una carrellata di particolari a distanza ravvicinata.

Quella distanza ravvicinata fu spiegata a suo tempo dallo stesso Gnoli con l’uso di «elementi dati e semplici», presi singolarmente a narrazione di una moltitudine, senza «aggiungere o sottrarre nulla», quasi come in poesia. Gnoli disse di sé che il suo lavoro isolava e rappresentava, guardando all’attualità e a «situazioni familiari della vita quotidiana». E così, l’ingrandimento di bottoni, cravatte, le ombre dentro le tasche di pantaloni, le cerniere mezze aperte, il pezzo di orologio che spunta dalla camicia perfettamente bianca e impeccabilmente stirata, sono presenze che raccontano una storia, senza necessità di fare di più, senza urgenza di allargare ancora lo sguardo. E anzi, paradossalmente, restringendo la visione sulle superfici, dentro onde di capelli, curve di corpi, sagome di forme umane mai del tutto palesate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.